07 novembre 2008

Don Giovanni a Parigi (1)

Ariane era seduta alla terrazza di un caffé parigino, in una delle rare piazzette pedonali della capitale, non lontano dalla Bastille. Nel sole, scorse un gattino che giocava con l’ombra delle fogliame dondolato dall’aria leggera che soffiava. Era una di queste serate d’agosto dove un’oscurità appena nata sembrava accentuare i profumi d’estate. Si accorse di un gelsomino che schiudeva vicino. Si sentiva il tintinnio dei bicchieri che brindavano all’aperitivo ed i coperti apparecchiati negli appartamenti a strapiombo sulla piazzetta. Il sottofondo indistinto delle conversazioni le dava la stessa sensazione d’isolamento nel silenzio, senza un’impressione di solitudine. Aveva preso un taccuino di Moleskine e la sua penna stilografica feticcio per prolungare l’umore pensoso con la scrittura. Il cameriere le portò un ‘mojito’ perfetto per lei, frizzante, ma non troppo pieno di rum, amabile, al limone. Ne prese una foglia di menta che masticò mentre sorbiva un sorso del cocktail con la cannuccia… Posando il bicchiere, respirò una ondata di basilico che riportava i suoi pensieri verso M. Aprì il taccuino e cominciò a coprire un foglio metà vergine d’inchiostro nero...

Carine Fouquet, Don Giovanni à Paris. Paris : Editions de L'Harmattan, octobre 2008. 154 p. 14,50 euri

Per acquistare questo libro in francese :
http://www.editions-harmattan.fr/index.asp?navig=catalogue&obj=livre&no=27078

Posté par Carine Fouquet à 08:53 - - Commentaires [0] - Permalien [#]


Commentaires sur Don Giovanni a Parigi (1)

Nouveau commentaire